-->

martedì 14 novembre 2017

Recensione: “Le Farfalle sotto l’Arco di Tito” di Chiara Pesenti per XY.IT

Recensione: “Le Farfalle sotto l’Arco di Tito” di Chiara Pesenti

Risultati immagini per le farfalle l'arco di titoTitolo: Le Farfalle sotto  l’arco di Tito
Autore: Chiara Pesenti
Editore: XY.IT
Genere: Narrativa contemporanea
Formato: Cartaceo
Prezzo: € 15,30
Pagine: 212
Data di uscita: 23 novembre 2016
Link d’acquisto:

SCOPRIAMO LA TRAMA...

Trama:

Cheddonna è tornata col suo irrinunciabile tacco 12 ad affrontare i mille imprevisti che una Mogliemammafigliamica deve gestire ogni giorno. Dalle bizze melodrammatiche di megalomani chef stellati, alle offerte contrattuali di improbabili e alquanto singolari professionisti della parola, tutto per lei si trasforma in una sfida.
Tuttavia, nonostante una quotidianità così  intensa e imprevedibile, Cheddonna tiene in serbo un proprio sogno, ed è decisa a realizzarlo. Un sogno che ha preso forma piano piano in cucina,  tra bistecche bruciate e pesce scongelato o tra  buste di precotti e scatolette salva tempo. Ce la farà? Riuscirà a far quadrare quel cerchio di impegni e piccole avventure per vedere  il suo progetto prendere forma?
Ad affiancarla in questo percorso e a suggerirle le tante e profonde riflessioni  attorno ai temi più diversi della vita, anche attraverso una vetrina di difetti e qualità sapientemente tratteggiati, ci saranno  Miomarito, NonnaNenna, IlPrincipe e tanti, tantissimi personaggi che il lettore, pagina dopo pagina, imparerà ad amare.
Chiara Pesenti, con la forza dell'ironia  che caratterizza tutti i suoi scritti, tesse le fila di una storia mai scontata,  in cui si alternano sorrisi a pensieri profondi capaci di commuovere e in cui si incontrano  personaggi tanto indimenticabili da sembrare reali. Il titolo, rubato alle Odi Barbare di Carducci, vuole sottolineare proprio ciò che l'autrice sa definire così bene attraverso la sua prosa: possono convivere cose futili con altre più importanti?
Chiara Pesenti, in questo libro, sembra avere trovato le risposte.

Recensione

Le Farfalle sotto l’arco di Tito: un titolo sicuramente particolare, una cover altrettanto divertente ma all’interno cosa troviamo?
Cheddonna, nelle sue giornate di casalinga che cerca in ogni modo di realizzarsi e contemporaneamente tiene le redini di una famiglia pressoché normale nelle sue stranezze.
Un libro che leggi velocemente, che non richiede troppa concentrazione proprio per il modo in cui la Pesenti lo presenta: i disegni stilizzati all’inizio dei capitoli e il simbolo della pasta farfalle in ogni titolo rendono la visione d’insieme gradevole.
Le vicende sono quelle di tutti i giorni, le problematiche con i figli, le passeggiate con le amiche, i parenti non sempre graditi e la buona tavola.
In tutto questo l’autrice inserisce dei punti di riflessioni ad ampio raggio: dal ricordo del Bataclan ai problemi adolescenziali, dall’apparente disinteresse degli altri al rapporto non sempre idilliaco con i media.
Scritto bene, Cheddonna è l’io narrante e attorno a lei tutti gli altri personaggi descritti in modo sintetico ma esaustivo entrano a far parte delle vicende senza spezzare il ritmo veloce della lettura.
Non saprei dove collocare questo libro se non nella dicitura generica della narrativa contemporanea perché non è un romanzo ma nemmeno un humor.
Insomma un po’ di riflessione con un pizzico di ironia.

(Recensione a cura di Maura)


VALUTAZIONE



L'AUTRICE

10915202_10203538987182176_4276406147965924812_n.jpg

Chiara Pesenti


Chiara Pesenti è nata in quel di Busto Arsizio nel (lontano ma non troppo) 1970; fin da piccola manifesta intenzioni affabulatorie, deliziando parenti e amici con principesse in ambasce, draghi e principi azzurri. E’ dunque a furor di popolo, inclusi il canarino Cleo e con la muta approvazione di Pino e Peppo, i due Carassius auratus (volgarmente pesci rossi) dono di Zio Nini, che si iscrive al Liceo classico prima e alla Facoltà di Lettere moderne poi. Mentre di notte si dedica ai suoi futuri bestseller, di giorno lavora prima come insegnante di sostegno nelle scuole medie e poi come segretaria in uno studio legale. Ci vorranno un matrimonio, quattro figli, due cani e tre tartarughe e mezza per distoglierla da tal criminoso intento. Dal 2012 narra “le dame, i cavalier, l’arme, gli amori” in chiave moderna del mondo di Cheddonna, fighissima eroina contemporanea amante del taccododici e dei quattrosaltisuifornelli , nel blog “Il mondo di Cheddonna” (www.cheddonna.it). Suoi racconti, tratti dal suddetto blog, sono stati pubblicati nel 2014 nel libro “Il ritorno della cicogna”, Edizione cooperativa Firenze 2000, e nella raccolta “Diverso sarò io”, Ed. Ad Est dell’Equatore. Nel 2015 ha pubblicato “Il mondo di Cheddonna”, Ed. Arpeggio Libero. Questo è il suo secondo romanzo, ma al terzo ci sta già lavorando, e il quarto, bè, il quarto...è un’altra storia!


Altre opere dell'autrice