-->

sabato 23 dicembre 2017

Intervista ad Anna Pulinaro, tra tracce sul cuore e nella mente!


Rieccoci tornati col nostro appuntamento settimanale dedicato agli autori.

Oggi abbiamo il piacere di ospitare e intervistare...

Anna Pulinaro
  


tra tracce sul cuore e nella mente!



Ecco a voi l'intervista...






Cara Anna, siamo contente di averti qui oggi. La nostra Maura ha letto e recensito il tuo ultimo romanzo self "Prigioniera di me stessa", oggetto anche di un nostro recente giveaway all'interno del nostro "Babbo Bottega", che vi ricordiamo è in corso e ci accompagnerà fino a Natale!
Cominciamo quest'intervista col chiederti com'è nata la passione per la scrittura e la lettura?


Ho sempre amato scrivere e fin da ragazza avevo una fervida immaginazione e la lettura arriva di conseguenza visto che stimola la fantasia in ognuno di noi.


Da lettrice cosa ti colpisce e cosa prediligi leggere?

Le mie scelte vanno sempre sui romanzi d'amore, ma alterno molto volentieri con thriller e Fantasy purché ci sia un filo conduttore con l'amore. In ogni storia spero sempre di trovare la giusta suspense che trascina oltre la storia sdolcinata.
Hai altre passioni?
Purtroppo il lavoro mi risucchia h24 e quando posso mi dedico alla scrittura. Ma non tralascio mai un buon libro da leggere, rigorosamente di sera.

Abbiamo avuto il piacere di leggere il tuo Prigioniera di me stessa, "un bel romanzo, non rosa ma di attualità, dove i temi toccati sono molto forti e può essere difficoltoso addentrarsi; l’autrice lo fa in punta dei piedi e solo fin dove è strettamente necessario", a detta della nostra Maura.

Che genere di libri ti piace scrivere?

I miei romanzi sono di genere romance.

I protagonisti dei tuoi libri, sia in "Non privarmi dei tuoi occhi" che in "Prigioniera di me stessa" sono giovani.

Come mai questa scelta?


Hanno un età dove il pubblico può identificarsi più facilmente ma nonostante questo li porto a vivere problemi a volte anche più grandi di loro.
Se dovessi descriverli con due aggettivi?
Irriverenti e passionali li rispecchia in pieno.
Che rapporto hai con la musica? Ti piace ascoltarla mentre scrivi? Se dovessi creare una playlist o una colonna sonora per il tuo libro quale sarebbe?

Nel mio primo romanzo mi sono fatta cullare dalle note di "When you say nothing at all" di Ronan Keating, mentre nel secondo ho potuto constatare quanto "Wonderwall" degli Oasis fosse appropriato ai protagonisti.
Che belle canzoni! Continuando col nostro giochino dei "Se"... Se dovessi scegliere un colore per descrivere il tuo ultimo romanzo?

Il colore perfetto?  Direi rosa sfumato di nero.
Scegli personalmente le cover dei tuoi libri?

Le scelgo io, ma le faccio approvare dalla mia consigliera di fiducia: mia figlia.
Che bella cosa! Eccoci giunti al momento promo dell’intervista… Prova a convincere i lettori che ci seguono ad acquistare il tuo libro...
Se cercate storie con miele e cuoricini non comprate i miei, perché di certo troverete si l'amore, ma sarà un amore che vi lascerà una traccia sul cuore e una nella mente. Questo perché in ogni storia voglio trasmettere sempre una morale che sia da riflesso in ognuno di noi.

E ora prima di salutarti ci piacerebbe avere un accenno ai tuoi prossimi progetti...
Ho due progetti in cantiere,  tra cui uno è quasi ultimato ed è il seguito di "Non privarmi dei tuoi occhi". Mentre l'altro si appresta a diventare una nuova storia moderna e molto emozionante.
Attendiamo tue prossime notizie al riguardo allora. Grazie di esser stata qui con noi e averci raccontato un pò più di te e dei tuoi romanzi.

A voi, cari lettori, diamo appuntamento alla prossima settimana e alla prossima intervista.